Dieci cose normalissime che sanno fare tutti e che io non so fare per niente

1. Cucinare (ci ho provato, giuro. Ho anche frequentato un corso di cucina, ma sono arrivata a trovare le scuse più incredibili per saltare le lezioni. Alla fine mi hanno dato pure l'attestato di partecipazione, con su scritto "Ha frequentato con profitto il corso di cucina tradizionale pisana". Ma quale profitto?);
2. Leggere i manuali di istruzione (li odio, non li sopporto, è più forte di me... Comincio a premere tutti i tasti, e spero che succeda qualcosa. Ogni tanto indovino il tasto giusto. È per questo che tendo a usare l'1% delle fantasmagoriche opzioni aggiuntive presenti in qualunque strumento);
3. Parcheggiare (specie se si tratta di fare manovre da contorsionista o addirittura sistemare l'auto all'interno delle trisce bianche. Sono mica una paracadutista di precisione, io);
4. Fare benzina (menomale che c'è la mia benzinaia di fiducia che apre alle sette e mezzo, esattamente un minuto prima che io passi di lì per andare al lavoro);
5. Installare programmi software (tutte le volte regredisco allo stadio paleolitico; sarà perché a casa c'è mio nipote Emiliano che mi aiuta, in cambio - beninteso - di laute mance);
6. Stare più di dieci secondi senza fare niente (ma come si fa? Voi ci riuscite? Io sono come la natura, aborro il vuoto...);
7. Ricordare la trama dei film già visti (la mia amica Isa si ricorda tutte le battute, tutti i nomi dei personaggi e anche quelli degli interpreti. Per me non c'è niente da fare: mi dimentico il finale, l'antefatto, lo svolgimento. C'è però anche un lato positivo: mai che mi annoi una volta, a vedere un film già visto e rivisto, che per me è sempre come nuovo);
8. Rimettere l'ora agli orologi di casa (gli orologi di casa mia, oltre che essere numerosissimi, risultano essere per me un mistero insondabile; dovrei leggere i manuali di istruzione, ma mi ritroverei nella situazione n. 2);
9. Rispettare le scadenze senza farsi venire un infarto (sono campionessa mondiale di "Zona Cesarini"; impossibile per me consegnare una relazione o completare un lavoro lasciandomi il tempo, che so, per prendere un caffè. Sarà che ho sempre tre milioni di cose da fare, ma una riorganizzatina sul fronte delle priorità non guasterebbe. Al momento, però, non nutro grandi speranze al riguardo);
10. Mangiare solo mezza tavoletta di cioccolata (no, no, no: impossibile; una volta aperta, va finita; è peccato lasciarla aperta. E se poi si guastasse, cosa ne sarebbe della fatica dei contadini guatemaltechi e degli operai della Perugina? Insomma, un po' di solidarietà tra proletari, no?).

In giro per Pistoia

18 02 2012

In giro per Pistoia

Oggi sono venuti alla San Giorgio due giovani colleghi bresciani; anni addietro avevo avuto modo di incontrare uno dei due in occasione di un corso di aggiornamento...

FIDAPA e la leadership al femminile

17 02 2012

FIDAPA e la leadership al femminile

Anche oggi tantissime le attività messe in cantiere tra le 9 e le 19 su diversi "fronti di guerra". Particolarmente interessante la riunione con le...

A proposito di Schmidt

16 02 2012

A proposito di Schmidt

Approfitto della serata solitaria (Antonio è a cena con amici) per raggomitolarmi sul divano di casa nella copertina azzurra, per guardarmi il film "A...

Avanti
Ultimo