Cosa vedo

I film sono come i libri: nutrono l'anima, ci mostrano un destino diverso dal nostro, ci offrono l'opportunità di vivere la vita degli altri. Se potessi, guarderei un film ogni giorno. Ma non posso, e allora mi accontento di guardarne uno ogni tanto, quando magari si prospetta una sera stranamente libera da "recuperi da fare" (i lavori di casa rimasti indietro, i lavori d'ufficio non completati durante il giorno, le tante scadenze che costellano il duro lavoro della vita quotidiana). A volte mi addormento in sala (complici la comodità della poltroncina e l'accoglienza della spalla di Antonio), a volte mi addormento persino sul divano di casa: ma non è colpa del film, è colpa solo dell'energia che non c'è più.

Ma guardare un film è un regalo che mi piace concedermi, specie al termine di quelle giornatacce nelle quali è successo di tutto. Non amo guardare i film d'azione: sparatorie e inseguimenti non fanno per me. Niente gialli né fantascienza né tantomeno horror (non dormirei la notte). Preferisco le storie che parlano delle persone. Il mio regista preferito? Ferzan Ozpetek.

Magnifica presenza

28 03 2012

Magnifica presenza

Magnifico Ozpetek In una serata dominata dalla partita di Champions, credevamo di essere gli unici due spettatori alla proiezione delle...

Quasi amici

06 03 2012

Quasi amici

Il trailer ci aveva fatto sperare in un buon film, e le speranze sono state ottimamente riposte. La commedia del duo Nakache-Toledano

A proposito di Schmidt

16 02 2012

A proposito di Schmidt

Approfitto della serata solitaria (Antonio è a cena con amici) per raggomitolarmi sul divano di casa nella copertina azzurra, per guardarmi il film "A...

Avanti
Ultimo