Cosa visito

C'è una persona, nella mia vita, a cui attribuisco il merito di avermi avvicinato all'arte, fino ad indurmi una vera e propria passione, destinata a segnare la vita adulta: si tratta della mia insegnante di storia dell'arte al Liceo ginnasio "Galilei" di Pisa, Vittoria Kienerk, figlia del grande Giorgio Kienerk a cui è dedicato l'omonimo Museo di Fauglia (vedi). La professoressa è scomparsa nel 2013 (vedi) alla veneranda età di 93 anni, lasciando un incolmabile vuoto di ironia, anticonformismo, spirito di libertà e competenza. A partire dalle sue lezioni, ho cominciato ad apprezzare l'arte contemporanea (oltre a quella classica) e a farne una componente importante della mia vita.

Poi la mia storia personale ha fatto il resto: di musei e mostre mi occupo per lavoro da 25 anni, conosco numerosi artisti, e quando sono in giro non mi perdo una mostra di valore. La fortuna di vivere in Toscana, poi, aiuta: dove ti giri, c'è qualcosa di straordinariamente bello da visitare e gustare con gli occhi e con il cuore.

Peccato però che le lunghe discontinuità che hanno caratterizzato l'aggiornamento di questo sito mi abbiano reso impossibile lasciare qualche traccia delle tante mostre visitate e ammirate in questi anni, non solo a Pistoia, ma anche fuori. Qui di seguito i pochissimi link alle note che ogni tanto ho trovato il tempo e la forza di registrare, dopo una delle tante visite. 

Ritratti in pepiničre

03 08 2012

Ritratti in pepiničre

Mattinata di grande attività alla San Giorgio, dove la novità della settimana corta induce a...

La dimensione umana

12 06 2012

La dimensione umana

Giornata allietata da una conclusione all'insegna dell'arte contemporanea, con l'inaugurazione della nuova installazione voluta dal Comune di Pistoia e...

Sabato tranquillo, con coda artistica

09 06 2012

Sabato tranquillo, con coda artistica

Oggi è stata una giornata sufficientemente tranquilla: niente scadenze in ufficio, niente ticchettare sulla tastiera del computer. Rimaniamo a letto fino a...

Avanti
Ultimo